Blog aperto- venerdì 11 novembre 2011-

Il cantastorie era colui che andava in giro a cantare “storie” per paesi e città, attività già nota dalla metà dell’800, egli di solito si fermava in una piazza, all’angolo di una strada, in un mercato, dove c’era tanta gente di passaggio e lì incominciava a cantare, a suonare, a esibire i suoi fogli e i suoi cartelloni e tutti si radunavano ad ascoltare e a guardare. Un po' come facciamo noi in rete, esibiamo i post e gira e rigira la voglia di raccontare viene fuori. Da piccola sognavo di fare la cantastorie,ero affascinata da questa figura e le loro storie che tanto bene raccontavano.
Blogspot ha realizato in parte questa mia fantasia di bambina, ma a quando vedo e leggo, la figura del cantastorie è solo cambiata, si è trasformata e qui in rete chi in un modo e chi in un altro, un po' tutti " cantiamo le nostre storie" Natale si accosta, con lui i ricordi e i volti amati ritornano e con loro un po' del nostro passato. Nell'attesa del Santo Natale ricorderemo e ci racconteremo. Questi racconti che ho radunato e messi insieme ve li dono con l'augurio di un Santo Natale! Perchè noi bloggers, siamo i moderni cantastorie.


giovedì 29 dicembre 2011

Sonetti di Flavia

25 dicembre 2011: RIUNITI IN 19 PER IL PRANZO DI NATALE
Sonetti romaneschi scritti dalla nipote Flavia e a noi dedicati.  Sonetti della
nipote Di Aldo

Mo' v'ho proprio fregato,
ve rubbo 'sti minuti
 ner mentre che se stamo a delizzià 'r palato,
pe' divve du cosette, mentre che state quà seduti.


Nun è perché è Natale
che me pijo 'sto spazzio,
ma che state qua tutt'insieme è sì fondamentale.

Eh sì che sto 'n Toscana
e c'ho er marito Napoletano,
ma io rimango sempre, de core, 'na Romana.

Purtroppo nun semo manco tutti,
ma quelli che so' lontani
e quelli che se ne so iiti,
so' sempre qui come si c'avessi tra 'e mani.

Evvero, volevo l'occhi vostra
e pure l'orecchi,
pe' divertimme bbene su 'sta ggiostra
e favve spalanca' li becchi.

Ce tengo a divve
che v'ho ner core 'n tutti li momenti,
ecco perché sto' quà a favve
tutta 'na serie de complimenti.

Semo tanti, semo divisi, semo diversi,
ma evvero sì che sun se semo quasi mai persi.

Ve vojo bbene e ve ringrazzio
der bene che me date.
Spero de nun esse mai 'no strazzio,
dato che de questo bene ne pijerei a palate.

Mo' v'ho detto 'n po' tutto,
è proprio pe' questo che vojo fa 'n patto.

Ner bene e ner male
ve prego da esse sempre chiari,
nun ve trattenete, pe' mme è fondamentale
nun ave' a cché ffa co' li bbari.

Nun basta 'r tempo che stamio insieme,
pe' divve quello che mme preme,
è sì 'na vorte l'anno sì vabbene, ma...
...'nzomma rega', volemose bbene!!!
De core, Flavia.

Sonetti della
nipote Di Aldo

2 commenti:

riri ha detto...

Grazie a tua nipote Alduccio, sono sfiziosi e li ho letti con piacere, ti auguro anche qui un buo 2012, con simpatia:-)
Un saluto a tutti i cantastorie di questo bellissimo blog:-)Ciao Rosellina, un periodo d corsa, tra nipotini e varie..poi arriverà la befana ed ho un raccontino;-) Baci

rosy ha detto...

Caro Aldo mi immagino la scena e poi questi sonetti recitati da tua nipote che secondo me è uguale a te nel raccontare e recitare.
Falle i miei complimenti!
Alduccio ti auguro quello che il tuo cure desidera,
Ti abbraccio forte, cin cin
Bacione ciao a Presto.

Riri adesso vengo da te

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...